FIBROMYALGIA: Finalmente riconosciuto dall’assicurazione sanitaria

La fibromialgia Francia è soddisfatto con la pubblicazione sul sito internet della assicurazione ameli.fr una malattia “plug fibromialgia” di avere una sindrome documento formale e affidabile.

Dopo la pubblicazione nel 2007 del rapporto dell ‘Accademia Nazionale di Medicina, nel 2010 la guida del l’Alta Autorità della Health Report, e in attesa della competenza collettiva della corrente Inserm (1 ° semestre 2018) , fibromialgia Francia aveva espresso il desiderio di vedere una disposizione ufficiale al pubblico in generale verso cui si riferiscono i pazienti, i professionisti e dei media.

Infatti, a causa delle varie informazioni contraddittorie o allarmista pubblicato su internet, le fonti di preoccupazione per lo scetticismo malati e per gli operatori sanitari, esperti medici e il pubblico, all’associazione, come professionisti e pazienti era essenziale disporre di un documento di fonte affidabile per le dimensioni convalidato e ampiamente distribuibile.

Fibromialgia la Francia aveva espresso tale richiesta durante i colloqui per diversi anni CNAMTS, la Direzione Generale della Sanità (entrambe le direzioni del Ministero della Salute) e l’ha. In aprile 2017 abbiamo avuto la conferma che una “richiesta di raccomandazioni sulla diagnosi e la gestione medica della sindrome di fibromialgia” richiesto da assicurazione sanitaria (nel 2016, quando l’inchiesta parlamentare) nel programma di lavoro della HAS 2017 era in fase di registrazione. ”

 

E ‘con soddisfazione  che l’Associazione, che ha lottato per 16 anni per informazioni accurate sulla fibromialgia, accoglie la pubblicazione sul sito Ameli.fr assicurazione sanitaria che è divisa in 4 parti: definizione e cause, sintomi e la diagnosi, il trattamento, vivere con fibromialgia.

Così questo modulo fibromialgia  https://www.ameli.fr/assure/sante/themes/fibromyalgie  dovrebbe inoltre consentire fine il nostro parlare sia credibile per  i “fibrosceptiques” troppi, lo scopo primario di migliorare la qualità della vita dei pazienti con dolore cronico.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Content is protected !!