Fibromialgia: “Piangi la tua vita prima”

Nell’ambito del World Fibromyalgia Day, sabato 12 maggio, presso l’ospedale di Blois, si terrà uno stand informativo.

Per quasi quattro anni, Annie Foucher, a capo della sezione Loir-et-Cher dell’Associazione Fibromialgica della Regione Centrale e lei stessa affetta dalla malattia, ha guidato gruppi di discussione e sostegno. Questo momento permette alla parola di liberarsi. “I pazienti vengono con i loro cari. Uomini e giovani osano fare il grande passo. Spesso vengono evocati nuovi aspetti della patologia “, afferma Annie Foucher.
“Non sai mai cosa verrà fatto domani”Riconosciuta dall’Autorità dell’Alta Salute dal 2010, la fibromialgia è caratterizzata da un diffuso stato doloroso muscolare, che richiede uno sblocco del mattino, che si evolve cronicamente, associato a stanchezza permanente e disturbi del sonno. In occasione della giornata mondiale dedicata a questa sindrome, uno stand si terrà nella hall dell’ospedale Simone-Veil a Blois, sabato 12 maggio, dalle 11 alle 18 ore.
“Questa malattia non è mai sviluppata per caso. Succede spesso dopo uno shock fisico o psicologico, molestie, un sentimento di abbandono … Fino al giorno in cui ci viene detto che sei malato e che non ti riprenderò mai,  codardo Annie Foucher. Allora devi piangere la tua vita prima. ” Questi momenti di scambio tra persone con fibromialgia sono anche un’opportunità per condividere consigli per vivere meglio con la malattia: chiedendo al suo medico di andare a vedere un fisioterapista, seguendo un trattamento termale, praticando la sophrology, seguito da un centro per la valutazione e il trattamento del dolore …  “L’inattività non è la soluzione, ma non dovrebbe fare troppo. Tutti devono bilanciare la sua forza e il dolore che continua a muoversi. Non sai mai cosa sarà fatto domani. Sta a noi trovare attività adattate, abbastanza da occupare il nostro cervello in modo che non pensi più al dolore. ” 
Il capo della antenna Loir-et-Chériennes l’associazione vuole portare un messaggio di speranza: “Noi malati possiamo ancora fare un sacco di cose. Il nostro cervello non è raggiunto. Essere ipersensibili, approfittare di tutti i piccoli piaceri che ci vengono. “
Se oggi la diagnosi di fibromialgia è più veloce, cura nello stato a lungo termine non è al rendez-vous.
Contatto: Annie Foucher, tel. 06.08.90.31.33 o Associazione Fibromialgia della Regione Centrale, tel. 02.48.65.81.40. I prossimi gruppi di discussione si terranno il 25 settembre e il 4 dicembre presso il centro ospedaliero di Blois.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Content is protected !!