Fibromialgia: una malattia silenziosa che attacca dall’interno

“Mi sono trovato con un corpo spezzato,” era una delle frasi che mi hanno colpito di più quando ho ascoltato a mia madre (Claudia), che mi ha parlato di questa strana malattia che anche i medici non possono spiegare. “A volte diventa insopportabile: generalizzata dolore, intolleranza al freddo, calore eccessivo attrito da vestiti …”, la descrive ei miei occhi si riempiono di lacrime in quanto non v’è alcuna spiegazione o un trattamento di cemento.

“Vuoi la pillola magica continua a soffrire, ma non appare e si diventa frustrati, si empirez e paura aumenta invece di scomparire”, ha detto Claudia.

Perché  Perché è apparentemente puro ed esclusivamente emotivo. “La causa di questa patologia è ancora sconosciuta, si presume che la fibromialgia derivi da un’estrema sensibilizzazione del sistema nervoso o origine genetica, apparsa dopo traumi fisici o emotivi, da modificazioni delle aree del cervello responsabili del dolore o un’infezione “, Spiega il    dott. Ernesto Crescenti (MN: 50.776)    , medico, ricercatore e direttore dell’Istituto di immunologia.

Fibromialgia: una malattia silenziosa che attacca dall'interno
 

“L’American College of Rheumatology ha definito la sindrome fibromialgica basata su una storia di dolore generalizzato di almeno 3 mesi, associata a una sensibilità corrispondente ad almeno 11 dei 18 punti sensoriali”, afferma il    dott. Gonzalo Yamauchi.  , specialista in medicina di famiglia e medicina muscolo-scheletrica.

“Il dolore può avere molte forme di presentazione, può essere diffuso e persistente, bruciante, bruciante o penetrante”, spiega Yamauchi.

“Questa è una malattia riconosciuta da tutte le organizzazioni mediche internazionali e dall’OMS dal 1992”, ha affermato il dott. Gonzalo Yamauchi.

“Le    zone più comuni    sono le  zone  lombari, cervicali, spalle, ginocchia, cosce e braccia. Il dolore è generalmente peggiore con raffreddori, infezioni, stress e mancanza di sonno. Un altro sintomo solitamente associato al dolore è l’esaurimento. o stanchezza cronica, per nessuna ragione che lo giustifichi “, dice Yamauchi.

Chi aggiunge anche che ci sono disturbi del sonno, problemi di sonno o frequenti interruzioni del sonno durante la notte. Oltre alla rigidità del corpo (di solito al mattino), mal di testa, dolore addominale, parestesia, intorpidimento e vertigini.

“Il decorso della malattia è cronico e continuerà nel tempo, ma una diagnosi precoce, un’informazione corretta e un adeguato approccio terapeutico possono migliorare la prognosi”, ha affermato il dott. Gonzalo Yamauchi.

“Questa malattia, che colpisce soprattutto le donne di età compresa tra 20 e 50, provoca una sensazione di dolore e ipersensibilità che colpisce l’intero corpo”, afferma Crescenti.

“Vivere con questa malattia è molto complicato”, dice mia madre. Grazie  alla    Fundación INECO,  essi    capiscono che “di solito è lo stress per la famiglia e per l’ambiente, che  colpisce  il paziente con fibromialgia perché il membro della famiglia non capisce perché quello che gli succede succede a lui. ”

“E ‘essenziale che il paziente e la famiglia psychoéduquent di capire e li guida, sapendo che c’è un fardello genetico ereditato dal quadro”, ha detto il dottor Evangelina Melgar, uno psichiatra e coordinatore della clinica fibromialgia INECO.

Suggerimenti per vivere con fibromialgia

  • Esercizi    aerobici, costruzione muscolare e stretching o flessibilità, tecniche di rilassamento per alleviare la tensione e l’ansia muscolare e programmi educativi che aiutano a comprendere e controllare la fibromialgia.
  • Si propone   di migliorare la qualità del sonno   e dell’umore   per    migliorare    chi può essere in psicoterapia o trattamenti farmacologici.
  • Diversi    farmaci    usati contro la fibromialgia contribuiscono a migliorare l’ipersensibilità, ma non esiste una chiara indicazione per un singolo farmaco. La scelta è lasciata al medico curante.
  • Accetta    la  malattia:  questa è una delle parti più complicate, ma prima che questo processo sia finito, il paziente sarà in grado di vivere con più tranquillità. Questo significa che stai prendendo dolore che può essere alleviato, ma che sarà sempre presente.
  • Essere in grado di trasmettere ciò che senti:    è necessario che il paziente sia in grado di comunicare ai suoi parenti ciò che accade loro. Può essere molto utile guidarti dal medico, non solo se un’altra persona può sentire le istruzioni, ma perché più conosci l’ambiente della malattia, più capisci e aiuti.
  • Fai attenzione agli sbalzi d’umore: la    fibromialgia influenza l’umore. Spesso ci sono cambiamenti comportamentali, reazioni eccessive, cattivo umore, pessimismo, apatia. Il paziente deve conoscere se stesso, perché più è consapevole di ciò che sente e della responsabilità della sua mente, più facile sarà tenerlo sotto controllo.
  • Il corpo da    sapere   : per   sapere come interpretare i segnali del corpo, è essenziale affrontare meglio la malattia.
  • Esercizio:    si raccomanda di esercitare, almeno moderatamente. Ciò aiuterà i muscoli e le articolazioni a essere più forti e a resistere al disagio.
  • Essere    attenti  : la  fibromialgia non è una scusa per fare quello che si sente a proprio agio e ti fa male. Più aiutiamo il corpo a vivere più sano, meglio è.
  • Incontra altre persone: andare    nei club o nei gruppi può essere un buon posto per condividere ciò che sta accadendo, trovare conforto, sostenere gli altri e costruire una rete di comprensione e aiuto reciproco.

Quali sono le malattie rare?

Malattie rare, come la fibromialgia, sono quelle che colpiscono una piccola percentuale della popolazione e presentano sintomi e condizioni diversi che peggioreranno a seconda delle circostanze e delle caratteristiche di ciascun paziente.

Tra 5.000 e 7.000 malattie rare possono influenzare l’abilità fisica, le capacità mentali o le caratteristiche sensoriali e comportamentali. La maggior parte di queste sono malattie croniche e degenerative, il 65% delle quali è grave e invalidante.

Nella cura clinica, è stato osservato che la maggior parte dei pazienti che soffrono tendono ad avere un problema emotivo o che vivono una condizione di ansia o stress. Queste emozioni che persistono nel tempo hanno gravi conseguenze per lo sviluppo della vita quotidiana e della salute.

L’individuazione di queste malattie può essere pericolosa e differire nel tempo. In alcuni casi, la diagnosi può essere posticipata per anni poiché il medico può solitamente interpretare i sintomi come una malattia diversa e cercare di migliorarli con trattamenti generali.

D’altra parte, è comune per il paziente sperimentare periodi più acuti e altri periodi di remissione, cioè quando non c’è manifestazione sintomatica. La diagnosi viene perfezionata solo quando il paziente continua la sintomatologia, che può avere molte conseguenze, come l’aggravamento della malattia o persino il pericolo di morte.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Content is protected !!